Loader
paolo rudelli
1809
post-template-default,single,single-post,postid-1809,single-format-standard,bridge-core-2.0.5,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-19.3,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive,elementor-default

“Contatto” con Rudelli e la musica per i linguaggi del corpo – ilgiornale.it

blog-il-giornale-paolo-rudelli

“Contatto” con Rudelli e la musica per i linguaggi del corpo – ilgiornale.it

“Contatto” con Rudelli e la musica per i linguaggi del corpo

L’altra sera mi ha telefonato un amico da Londra, un compositore che si è trasferito lassù da qualche anno. Una parola dopo l’altra il discorso via cavo è andato oltre la musica, fino a “toccare” il mondo della contemporaneità nel movimento, nelle performance, nelle invenzioni sonore per accompagnare i linguaggi del corpo. Paolo Rudelli  il nome che durante la conversazione è “saltato” fuori. Coreografo, danzatore, videasta e artista multimediale, in questo periodo propone con Gabriella Riccio lo spettacolo “Noli metangere” (il 28 maggio – Roma – al Kollatino Underground di via Georges Sorel 10).

Minimalismo, suggestioni elettroniche, suoni underground, dalla classica al jazz, alchimie concrete e cosmiche. Spesso acqua e liquidità… Dopo la conversazione mi è venuto in mente che in realtà già lo conoscevo, questo personaggio, per via di una sua “collaborazione” con gli ipnotici Winter Family, correva il 2006 e lui nella prima parte dell’anno – non ricordo il mese – era anche transitato a Milano per partecipare alFestival Opplà: tra gli ospiti della rassegna anche Jean-Laurent Sasporter, storico danzatore del Tanzteater di Wuppertal di Pina Bauch.

Per uno dei miei viaggi online della notte causa insonnia, ho fatto una piacevole scoperta e, in seguito a questo, anche ascoltato i suggerimenti di chi in materia ne sa veramente molto più di me; da qui il capolinea sul web qualche sera dopo è stata la performance “Impromputus” del Collettivo Ludwig, di cui Rudelli ha firmato la creazione delle luci e dell’installazione video. Le musiche selezionate per lo spettacolo, una più azzeccata dell’altra, in esatta sincronia con spazio, tempo, colori e coreografie. Set con le libere ma sapienti espressioni dei corpi, danze asimmetriche nel bel mezzo di vortici pittorici fatti di luci e acqua, tonalità del futuro d’ispirazione tribale e ancestrale. Ringrazio il mio amico inglese per la piacevole e interessante conversazione notturna; abbiamo finito quasi all’alba. Mi riprometto di andare a vedere Paolo Rudelli quando passa dalle mie parti; la sua arte e i mondi che lo accompagnano – musiche  in testa – vale la pena seguirli.
In allegato: installazione-video di Paolo Rudelli

© Luca Pavanel – blog.ilgiornale.it



On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience. Cookie policy